La vitamina B12 nelle diete vegetariane

Cari lettori,

segnaliamo questo articolo appena pubblicato sul sito di SSNV a cura della dottoressa Luciana Baroni, intitolato:

“La vitamina B12 nelle diete vegetariane”
http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/b12_approfondimenti.html

E’ un articolo di approfondimento sul tema, cui tutti possono fare riferimento se desiderano comprendere a fondo che cos’e’ la vitamina B12, dove si trova, perche’ va integrata e perche’ e’ molto piu’ naturale, logico, razionale, assumerla da integratori di sintesi batterica piuttosto che dai prodotti animali. Un articolo necessario in quanto c’e’ molta disinformazione e mistificazione sull’argomento.

Riportiamo qui solo due passi, per l’articolo completo si rimanda al link indicato:
 
Cominciamo con quello che è il concetto di maggiore importanza e che dà senso a tutto quello che leggerete in seguito: la vitamina B12 è un nutriente essenziale per l’organismo di tutti gli animali, uomo compreso, ma nessun animale è in grado di produrla.

La vitamina B12 deve quindi essere ricavata da fonti esterne all’organismo. Mentre la fonte naturale di tutte le altre vitamine (eccetto la vitamina D) sono i cibi vegetali, per la vitamina B12 non è così, perché le piante non la utilizzano per il loro metabolismo (anche se viene riportato in letteratura che alcune piante ne conterrebbero).

La fonte naturale di vitamina B12 sono solo alcuni microrganismi: batteri, funghi e alghe. Mentre i batteri producono molta vitamina B12 attiva, funghi e alghe producono soprattutto analoghi inattivi, che possono esercitare effetti negativi sul metabolismo della vitamina B12 attiva.

[…]

La vitamina B12 che si trova in tutti i cibi animali (carni, latticini e uova) non viene prodotta dall’animale, ma rappresenta la quota che l’animale non utilizza, cioè quella in più rispetto alle richieste del suo organismo. Essa viene ottenuta parte dalla contaminazione microbica del cibo e parte dalla sintesi dei batteri intestinali. Tuttavia, queste fonti non sono considerate sufficienti al giorno d’oggi, dal momento che negli allevamenti gli animali ricevono mangimi addizionati, che contengono anche vitamina B12 che, quasi sicuramente, deriva sempre da sintesi chimica, più economica.

La tanto propagandata naturalità dell’assunzione di vitamina B12 dai cibi animali (e la conseguente supposta innaturalità delle diete che non ne contengono) appare quindi in tutta la sua paradossale, ridicola, inconsistenza, perché:

– sia gli animali che l’uomo non producono vitamina B12 ma la ricavano naturalmente dai batteri. Si ricorda che la flora batterica intestinale, che ne produce piccole quantità, viene pesantemente alterata dalla terapia antibiotica.

– la vitamina presente nei cibi animali deriva sempre più spesso prevalentemente da mangimi addizionati. Certo gli animali non vengono supplementati con B12 per fornire all’uomo prodotti ricchi di vitamina B12: il razionale dell’integrazione del mangime è quello di favorire una crescita ottimale in condizioni innaturali e nel minor tempo possibile. E proprio questo breve tempo di vita dell’animale non gli permetterebbe probabilmente più di ricavare quantità di B12 da fonti che per lui un tempo erano naturalim anche in considerazione del massiccio utilizzo di antibiotici negli allevamenti.

Credo che questo ultimo sia un aspetto molto importante sul quale va fatta chiarezza: la B12 presente nei cibi animali deriva oggi principalmente dagli integratori che vengono somministrati all’animale. Ma anche se la vitamina B12 presente nei cibi animali derivasse esclusivamente dai batteri, è forse più naturale aggiungere un “passaggio”, cioè ricavare la vitamina B12 da un animale che a sua volta la ricava dai batteri (e peggio dal mangime)? E’ più naturale assumere un nutriente trasformato dall’animale o uno non trasformato?

E’ quindi di fatto (e paradossalmente per chi sostiene che l’integrazione di B12 non sarebbe naturale) più naturale per noi assumere la vitamina B12 da chi la produce, cioè i batteri, che dai cibi animali.

Per leggere l’articolo completo:
http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/b12_approfondimenti.html

La Segreteria di Redazione di SSNV

 www.scienzavegetariana.it

2 risposte a “La vitamina B12 nelle diete vegetariane

Rispondi