Archivi categoria: Manifestazioni

Corteo Nazionale contro la sperimentazione

12552623_1855324061360665_2349280162355527358_n

Sabato 9 aprile 2016, alle ore 14:30 – Torino

Il 9 aprile torneremo in piazza per ricordare che siamo contro la vivisezione e a favore di una ricerca più giusta e più sana, che salvi la vita umana ed animale una volta per tutte.
Non molliamo e non ci stancheremo mai di informare, manifestare e gridare a gran voce che quanto fatto finora sia ingiusto , orribile , crudele ,sbagliato e dannoso!
Diciamo no alla vivisezione “eticamente” perché gli animali sono esseri senzienti capaci di provare dolore e sofferenza e “scientificamente” perché si tratta di un errore metodologico , un metodo ottocentesco e fallace che non ha MAI portato ad alcun risultato, anzi spesso solamente ad errori , allontanandoci da risultati sicuri. Non proponiamo fantascienza , ma metodi alternativi/sostitutivi e a rilevanza umana , una realtà che esiste e che finora è stata fin troppo ignorata per gli interessi di pochi e a danno della vita di animali e malati .

Riscatto Animale, Movimento Antispecista Piemontese

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/1738568973031559/

Corteo Nazionale contro la vivisezione

11866241_1802599343299804_610729037270369843_n

Sabato 24 ottobre 2015, alle ore 15.00 – Milano

CORTEO NAZIONALE CONTRO LA VIVISEZIONE 24 OTTOBRE 2015 – MILANO RITROVO H. 15 A MILANO CADORNA (MM1 – MM2 – TRENORD) STOP VIVISECTION, l’iniziativa non si ferma !

Con STOP VIVISECTION, campagna partita nel Giugno del 2012, l’obiettivo era la raccolta di oltre 1 milione di firme per chiedere un cambiamento delle attuali metodologie di ricerca basate sui modelli animali e sulla vivisezione, modelli che negli ultimi decenni non hanno portato a nessun risultato degno di nota.

Dopo miliardi di animali sacrificati sugli altari della vivisezione, e dopo milioni di cavie umane su cui sono stati testati i candidati farmaci ricavati da tale ricerca, gli avanzamenti nello sviluppo di rimedi validi e funzionali per l’uomo sono stati pressochè nulli. I metodi sostitutivi alla sperimentazione animale, ovvero i metodi di ricerca avanzata ed a rilevanza umana non mancano, ma sono fermi o inutilizzati a causa di un processo di validazione che dura in media 10 anni e la loro assurda comparazione ad un metodo mai validato qual’è la sperimentazione animale.

L’intento di Stop Vivisection era dimostrare il livello di consapevolezza da parte delle persone circa l’inutilità della vivisezione per lo sviluppo di una ricerca a rilevanza umana e i cittadini europei hanno risposto positivamente a questo: con le oltre 1milione e 200mila firme raccolte è stato dimostrato che la vivisezione non ha e non deve avere spazio nel nostro futuro. L’obiettivo purtroppo è stato raggiunto solo per numero di firme raccolte in quanto la commissione Europea, ignorando totalmente le richieste dei suoi cittadini, ha bocciato l’iniziativa STOP VIVISECTION, con l’unica motivazione che “è ancora presto per abbandonare la sperimentazione animale” Allora noi ci chiediamo: quante vite ancora dovranno essere sacrificate in nome di una ricerca che non ha portato risultati soddisfacenti nella ricerca medica? Quanti animali innocenti saranno ancora torturati come semplici strumenti da laboratorio? Quanti pazienti negli ospedali saranno ancora usati come ultime cavie per testare prodotti derivati da una ricerca basata su modelli non umani, prodotti che nel 90 per cento dei casi vengono ritirati prima ancora di essere commercializzati a causa dei loro effetti indesiderati che nelle cavie animali non venivano evidenziati per via della differenza biologica che chiunque potrebbe comprendere, tranne i ricercatori. Noi non ci fermeremo ad un semplice NO! Vogliamo riunirci per continuare a chiedere di essere ascoltati !

STOP VIVISECTION è stato solo l’inizio.

Unitevi a noi il giorno 24 Ottobre 2015 alle 15.00 a Milano
per un grande corteo pacifico in cui urleremo a gran voce ancora una volta : BASTA VIVISEZIONE! Al termine del corteo interverranno alcuni esponenti di rilievo dell’antivivisezionismo italiano:
Massimo Tettamanti – Fondatore e Cordinatore di I-Care
Valeria Roni – Consulente Scientifico della Leal
Linda Guerra – Naturalista e scrittrice
———
Info alla pagina Facebook https://www.facebook.com/events/873641829381035/

#LALOROCASAÈILMARE – Protesta al Delfinario di Rimini

11760272_1017539818265030_4934250658420866624_n

Sabato 8 agosto, alle ore 17.00
Delfinario Rimini
Lungomare Tintori, 2, 47921 Rimini

Anche in piena estate vogliamo portare il nostro messaggio di denuncia verso gli spettacoli con animali e sabato 8 agosto saremo di nuovo di fronte al Delfinario per chiederne la chiusura definitiva. Essere Animali, LAV e Basta delfinari vi invitano a questa nuova manifestazione: da anni ormai si svolgono in Italia proteste contro i delfinari e quello di Rimini è divenuto l’emblema di queste mobilitazioni.

Abbiamo bisogno anche del tuo aiuto! Vieni con noi a Rimini, porteremo la protesta direttamente in spiaggia!

Mentre è tuttora in corso il processo per maltrattamento dei 4 delfini sequestrati al Delfinario dalla Procura della Repubblica di Rimini nel 2013, la struttura è comunque ancora aperta al pubblico e dalla scorsa stagione propone l’esibizione di tre esemplari di Otarie. Il Delfinario continua infatti ad operare con licenza di ‘spettacolo viaggiante’, un escamotage con il quale ha aggirato il decreto di chiusura disposto dal Ministero che ha negato la licenza di giardino zoologico.

Noi continueremo a protestare fino alla definitiva chiusura! Unisciti a noi: questi spettacoli sono causa di privazioni e reclusione, è assurdo e crudele costringere gli animali a vivere e riprodursi in piccoli spazi artificiali, lontano dal loro habitat naturale, con l’unico scopo di esibirli in performance alquanto discutibili.

Sabato 8 agosto partecipa anche tu, per lanciare forte il messaggio: #LALOROCASAÈILMARE #NODELFINARIO

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/933615906685039/

Basta Palio – Manifestazione Nazionale a Siena

1610959_1128268957199625_832923206924457827_n

Domenica 16 agosto 2015, alle ore 16.00
Piazza Del Campo – Siena

PALIO DI SIENA, OLTRE 50 CAVALLI MORTI DAL 1970, PIÙ DI UNO ALL’ANNO.

Nonostante una serie di misure per garantire la salvaguardia dei cavalli prima, durante e dopo la corsa adottate dal Comune (dalla messa in sicurezza dei luoghi ad una equipe di veterinari specializzati, dal controllo antidoping degli equidi all’alcol-test per i fantini, etc) gli incidenti mortali continuano a verificarsi a conferma che tali incidenti sono imprevedibili ed inevitabili.

LA VITA DEGLI ANIMALI NON PUÒ PIÙ ESSERE SACRIFICATA NEL NOME DI UN EVENTO CHE GRONDA SANGUE INNOCENTE.

MANIFESTAZIONE PREVISTA IL 16 AGOSTO A SIENA

N.B. LA MANIFESTAZIONE NON È AUTORIZZATA, in precedenza il diniego del Questore di Siena è stato impugnato prima al Prefetto e poi al TAR ma con esito negativo. Evidentemente gli straordinari interessi economici spartiti tra il Monte dei Paschi, la Rai con numerosi sponsor in Eurovisione e le società di scommesse sportive consentono di calpestare i diritti dei cittadini e la vita degli animali.

MANIFESTAZIONE organizzata dal movimento politico “Partito Animalista Europeo” e dal gruppo “Fronte Animalista”

INVITIAMO la partecipazione di tutti i gruppi, associazioni, attivisti indipendenti e cittadini della società civile a manifestare con forza il proprio dissenso.

PER CHI INTENDE ORGANIZZARE PULLMAN DALLA PROPRIA CITTA’ , CONTATTI QUANTO PRIMA IL PAE AI SEGUENTI RECAPITI:

Mail: [email protected]
Numero Verde: 800.912.215

Tutte le info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/454620788042371/

ANIMALI..AMO? 6° EDIZIONE

1470255_921278671228474_8554669370375909254_n

Per il rispetto e la non violenza nei confronti degli animali

Domenica 14 giugno, dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Cascina Grande Rozzano, Viale P.Togliatti, Rozzano – Milano

Ore 10.00 Inizio della Manifestazione
Dalle ore 11.00 alle ore 12.00 Corso di Cucina Vegan per principianti
a cura di Fabio e Luciano, membri APIDA. Ricette semplici e gustose per cuochi alle prime armi!

A pranzo e per tutta la giornata la nostra cucina offrirà panini imbottiti, piatti caldi e freddi, favolose torte senza ingredienti di origine animale!

Conferenze
14:00 / 15:00: Massimo Filippi & Marco Reggio “Manifesto Queer Vegan”
15:00 / 16:00: Prof. Valerio Pocar “Diritti degli animali, diritti delle persone”
16:00 / 17:00: Aldo Sottofattori “Il Cannocchiale di Galileo, Critica alle teologie economiche”
17:00 / 17:30: Essere Animali Mostrare l’invisibile: presentazione della mostra “fabbriche di animali”
17:30 / 18:00: Rachele Totaro “Che cos’è il Rifugio degli Asinelli”
18:00 / 19:00: Dott.ssa Serena Famà “Pronto soccorso per animali selvatici ”
Ore 15.00: 7° Raduno “Simpatici Pelosi” organizzato dall’ associazione DIAMOCI LA ZAMPA. Sfilata semi-seria aperta a tutti i vostri cani che vedrà vincitori i partecipanti più simpatici!
Iscrizioni aperte dalle 11.30 fino all’inizio della sfilata.

Ore 16.00 – 18.00:
Laboratorio artistico espressivo per bambini e Truccabimbi

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/1569745296626528/

Presidio contro lo Zoo di Napoli

10982039_816123661788290_8625618507640889111_n

Domenica 19 aprile, alle ore 10.00
Lo Zoo di Napoli, Viale John Fitzgerald Kennedy 76 – Napoli

LA RECLUSIONE A VITA DI UN ANIMALE DIETRO LE SBARRE NON HA NULLA DI NATURALE, NÉ DI EDUCATIVO.

LAV Napoli e Veg in Campania invitano le Associazioni, i gruppi ed i singoli attivisti, a partecipare al presidio programmato per domenica 19 Aprile 2015, presso lo Zoo di Napoli alle ore 10 del mattino.

ADERISCONO:
Antispecisti Partenopei,
Venganch’io Cavese,
Movimento Protezione Animale Ambiente,
Sorci Verdi Collettivo Antispecista

La lista è aperta a ulteriori adesioni.

Ancora una volta vogliamo dare voce agli animali non umani reclusi nella struttura, portando le nostre istanze alla conoscenza del pubblico pagante (e finanziatore) di quello che, contrari ad ogni forma di sfruttamento degli animali, riconosciamo come un vero e proprio

CARCERE PER CONDANNATI SENZA COLPA.
Gabbie e recinti sottodimensionati, impossibilità di avere comportamenti normali per la specie (come lo spostamento lungo grandi distanze) oppure di assecondare i più naturali istinti. Isolamento sociale, regimi alimentari innaturali, mancanza di stimoli, stress, comportamenti stereotipati, autolesionismo, nevrosi.

Anche nel migliore degli zoo, ogni animale è un ergastolano esposto agli sguardi del pubblico, e la struttura che si trova nella nostra città non è certo tra le “migliori”, anzi! Lo Zoo di Napoli, nonostante il goffo tentativo di pulizie e rilancio dei mesi scorsi, non è ancora uno zoo autorizzato secondo legge dal Ministero dell’Ambiente e non rispetta nemmeno i criteri minimi stabiliti dall’UE!

Non abbiamo dimenticato e non vogliamo dimenticare la triste storia dell’elefantessa SABRINA, che ha “vissuto” da sola (nonostante sia notorio che gli elefanti sono animali sociali), è stata per decenni reclusa in uno spazio privo totalmente di vegetazione e con un esiguo acquitrino ed è morta prigioniera. Anche lei non ha avuto modo di ripararsi dagli sguardi dei visitatori da cui la separava una sorta di recinzione fatta di punte acuminate. Ed anzi è stato documentato a più riprese che di giorno le si negava l’accesso al piccolo rifugio, così che potesse essere sempre esposta al pubblico, in perenne violazione della normativa in vigore.

Adesso lei è libera, ma noi siamo chiamati a lottare per i diritti di quegli animali che ancora sono prigionieri: e dobbiamo farlo nel migliore dei modi. Per questo abbiamo adottato un preciso.

CODICE DI COMPORTAMENTO

Sappiamo benissimo quanto possa essere difficile mantenere la calma, ma è un presupposto indispensabile per poter essere ascoltati.

Per esperienza sappiamo che, ai fini di una corretta comunicazione, è necessario tenere i toni bassi, non rispondere alle provocazioni, se e quando verranno lanciate, non provocare e non creare situazioni di tensione. NON DOBBIAMO PASSARE DALLA PARTE DEL TORTO.

Le forze dell’ordine saranno presenti sul luogo per tutelarci e sarà compito loro (non nostro) reagire ad eventuali azioni scorrette nei nostri confronti.

VI CHIEDIAMO INOLTRE DI PARTECIPARE SENZA ALCUN SEGNO DI RICONOSCIMENTO POLITICO. Dunque no loghi/sigle su eventuali volantini, bandiere, spille o slogan che siano riconducibili a partiti politici.

EVITIAMO OGNI RIFERIMENTO A RELIGIONI. Sia in positivo che in negativo.
Metteremo a disposizione dei partecipanti: volantini, cartelloni, striscioni, bandiere, etc. Potete scegliere liberamente se usare il nostro materiale e/o portarne altro, l’importante è che lo stesso non sia rivolto contro persone fisiche specifiche o gruppi di persone, non sia riconducibile a partiti politici e non vi siano contenuti offensivi (ergo strumentalizzabili) o riferimenti alle religioni.

IL NOSTRO ANTAGONISTA RIMANE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE L’ISTITUZIONE “ZOO DI NAPOLI”.

I DIPENDENTI DELLA STRUTTURA NON SONO NOSTRI NEMICI: il nostro obiettivo è superare la logica e la pratica degli animali in gabbia per sostenere, al contrario, il potenziamento della vocazione ambientale e naturalistica di tutta l’area in cui sorge lo Zoo di Napoli, attraverso la promozione di percorsi naturalistici e ambientali da svolgere in un parco godibile da parte di tutti i cittadini. Una soluzione che potrebbe facilmente assorbire gli attuali dipendenti dello zoo.

Vogliamo un parco di tutti e per tutti. Senza prigionieri.

– I VISITATORI NON SONO NOSTRI NEMICI: resta fondamentale parlare con il pubblico pagante informandolo – con volantini, parlando, lanciando messaggi – sulle condizioni degli animali e sulle incongruenze di un’istituzione che si pone come educativa, ma che a nulla può educare se non all’arroganza di togliere la libertà per motivi stupidi ed egoistici. Ciononostante sappiamo benissimo che solo una percentuale minima di persone deciderà di non entrare allo zoo. Possiamo invitare tutti gli altri a guardare con occhio critico la situazione degli animali rinchiusi nella struttura che andranno a visitare, tuttavia NON SARANNO ASSOLUTAMENTE TOLLERATI ATTACCHI E FORME DI COMUNICAZIONE OFFENSIVE.

Fiduciosi nella vostra adesione a queste semplici regole di condotta, vi invitiamo a diffondere e condividere questo evento, ad utilizzare l’hashtag #fuorituttidallozoo per i vostri post, ma soprattutto ad ESSERCI!

Perché se davvero vogliamo che cambi qualcosa, la sola volontà non è abbastanza: DOBBIAMO AGIRE!

Evento Facebook
https://www.facebook.com/events/1589302361313454/

Cibare il Pianeta ai danni del Pianeta

10991358_832736910129659_1160874618212735180_n

Corteo per dire NO A EXPO’ 2015
Sabato 23 maggio -Piazza Sant’Eustorgio Milano

La fiera del cibo a Milano è certamente un’evento importante e sarebbe anche utile se si dicessero le verità nascoste dalle multinazionali alimentari.
L’alimentazione è al primo posto per introiti economici c’è quindi un disinteresse su cosa davvero è salutare per la maggior parte degli interessati a questo business milionario, l’unico loro interesse è il denaro.
Noi cercheremo di sbugiardarli, cercheremo di far capire come stanno davvero le cose.
Intervenire a questo corteo non deve essere un’interrogativo ma una certezza per far capire che non stiamo seduti a guardare.
Go Vegan
Animali Liberi

Saranno presenti amici animalisti dalla Germania, Francia, Austria e Svizzera.

Dovremmo essere in diecimila per dire NO all’Expò, dovremmo invitare migliaia di amici a questo evento, sappiate che non basta scrivere su facebook che non vogliamo qualcosa, è necessaria la partecipazione a questo tipo di protesta.
Expò sta facendo accordi con McDonald’s, sta derogando alcune norme sanitarie e leggi sulla tutela degli Animali !!!
all’Expò troverete carne di struzzo, di coccodrillo, insetti vari e siamo convinti che tutto questo verrà perpetrato nella nostra nazione !

DOBBIAMO CONDIVIDERE E INFORMARE CHE IL 23 MAGGIO MILANO DICE NO A EXPO’ 2015, NO ALLA VIOLENZA SU ANIMALI, NO ALLE DEROGHE PER MANGIARE ANIMALI ESOTICI.
NO EXPO’

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/332070956982127/