Archivi categoria: Senza categoria

Picnic di Pasquetta a Magnago

12806006_1241140089244598_6171764555457521644_n

Lunedì 28 marzo alle ore 13:00
Via Ungaretti, 34 Magnago (MI)

LUNEDI’ 28 MARZO dalle ore 13!!
Siete tutti invitati al primo picnic della stagione nella splendida cornice del parcocanile di Magnago!
www.vitadacani.org/eventi/picnic-a-magnago-3/

Panini e stuzzichini 100% vegetali da gustare insieme seduti sull’erba, ascoltando il belato degli agnelli salvati dalle strage di Pasqua, il grufolare allegro dei maiali e di Peppo, il muggito di Tofu WillyBanzai, Giuliana, Ikab, Blu e Viola.
Tanti nuovi amici vi aspettano!

Alle ore 16 sarà possibile conoscere da vicino gli animali e ascoltare la la loro storia con una VISITA GUIDATA DEL RIFUGIO.

Vi aspettiamo presso il Santuario Porcikomodi a Magnago (Mi) – via Ungaretti, 34

NON SERVE PRENOTAZIONE e L’INGRESSO NON E’ A PAGAMENTO

L’intero ricavato del picnic sarà utilizzato per il mantenimento degli animali ospiti del santuario.

N.B.in caso di pioggia la giornata verrà rinviata

Per info: 349.0581076

Evento Facebook
https://www.facebook.com/events/1689051978021911/

Sit-in contro la strage degli agnelli

12631271_10205722367480142_2066231952826323355_n

Sabato 27 febbraio, dalle ore 15:00 alle ore 17:00 – Bologna

“Gli agnellini ci ispirano tenerezza quando li vediamo, eppure a un mese di vita vengono strappati alle madri, costretti a lunghi viaggi terribili ed estenuanti su TIR strapieni, per arrivare a un lurido macello in cui gli animali terrorizzati vengono immobilizzati, storditi, appesi a un gancio per una zampa, e lasciati dissanguare.
Prima di essere appesi sentono l’odore del sangue e le urla di terrore dei loro compagni.
Tutto questo, perché? Solo perché a molti piace mangiarli! Non potrebbe esistere un motivo più futile per sottoporre questi cuccioli a tanta sofferenza, e alla morte.
Ogni anno a Pasqua vengono uccisi 900 mila tra agnelli, capre e pecore. Animali che arrivano quasi tutti dai paesi dell’est, con lunghi “viaggi della morte”, stipati in camion in condizioni insostenibili (molti arrivano al macello più morti che vivi) e mai sottoposti a controlli.”

ALLORA SCENDIAMO IN PIAZZA PER INFORMARE LE PERSONE SULLA NASCITA, LA VITA E LA MORTE DI QUESTE POVERE CREATURE E PER FARGLI CAPIRE CHE UNA ALTERNATIVA E’ POSSIBILE, PER UNA PASQUA (E PER UNA VITA INTERA) SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE

Luogo preciso ancora in via di definizione.

Investigazione sotto copertura di Animal Equality su cosa accade negli allevamenti e nei macelli italiani agli agnelli…

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/516876531849089/

Corso di formazione professionale di cuoco vegan 2016

12194819_10206391913930630_6148036759909783706_o

Venerdì 29 gennaio 2016, alle ore 20:00
Scuola di Yoga Integrale, Napoli, Via A.Scarlatti 209g, tel.3407830920

GUSTO VEGAN, da gennaio 2016
il Primo Corso di Formazione Professionale di CUOCO VEGAN
ed Alimentazione Naturale, secondo i Saperi e Sapori della Tradizione Mediterranea, dell’ Ayurveda e della Macrobiotica.
In tre livelli interdipendenti fra loro ma completi ognuno.
Durata di ogni livello un anno solare, da gennaio a dicembre,
con frequenza di un finesettimana al mese di tanta pratica in cucina e studio.
RICHIEDI IL PROGRAMMA COMPLETO ! inviaci la tua mail.

Primo livello
(obbligatorio per tutti) certifica come cuoco vegan di gusto e ben-essere per : ristorazione pubblica, catering, cucina a domicilio per famiglie ed eventi.

Secondo livello
(a scelta) certifica come cuoco vegan in cucina terapeutica e sociale:
prevenzione: la salute a tavola. La cucina per le varie fasce d’età dallo svezzamento alla terza età. La cucina per l’età scolare e la refezione scolastica ,per la salute, lo sviluppo armonico , la socializzazione e l’apprendimento di bambini e ragazzi.
Cucina sportiva per le squadre professionali e amatoriali e per i singoli sportivi.
Cucina di sostegno alle cure mediche : a domicilio o presso strutture ospedaliere o case di cura pubbliche e private, case per anziani, case famiglia, stazioni termali.

Terzo livello
(a scelta) certifica come cuoco vegan in cucina energetica e spirituale:
cucina per armonizzare i chakra; cucina per i diversi yoga e le loro varie tecniche; cucina per la meditazione, per il tai-chi-chuan, per l’aikido, per la danza, per il massaggio ayurvedico, per lo shiatsu e per le varie discipline e pratiche psicofisichenergetiche e spirituali; la cucina per i sette temperamenti e le diverse tendenze psicologiche; cucina per ritiri, seminari e corsi delle varie discipline.

Info alla pagia Facebook
https://www.facebook.com/events/162555634095793/
———-
http://valledelbiolocco.blogspot.it/p/blog-page_16.html

Dieta vegetale amica dell’ambiente

http://www.dreamstime.com/stock-image-fruits-vegetables-forming-heart-love-topic-healthy-eatin-eating-isolated-image43233391

[COMUNICATO STAMPA]
DIETA VEGETALE AMICA DELL’AMBIENTE, NON CERTO NEMICA,
COME CONFERMATO DA DECENNI DI STUDI: ASSURDO CONFRONTARE
LE CALORIE DELLA PANCETTA CON QUELLE DELL’INSALATA!
17 dicembre 2015

Varie agenzie e giornali titolano in questi giorni “Dieta vegetariana nemica dell’ambiente” e frasi simili, sostenendo che “la pancetta ha un minor impatto ambientale rispetto all’insalata” a parità di calorie.

Il problema di base in questo ragionamento è l’assurdità di mettere a confronto l’impatto “a parità di calorie” di due cibi con contenuto calorico diversissimo: sarebbe come dire che bere 1 litro di acqua ha un impatto infinitamente maggiore del mangiare 1 etto di pancetta “a parità di calorie”, visto che l’acqua ha un contenuto calorico nullo!

Ma in una normale dieta quotidiana il fabbisogno calorico non si ricava né dall’acqua, né dalle verdure: da queste ultime si ottengono la fibra, vitamine, minerali, fitocomposti, tanti micro e macro nutrienti utili, anzi indispensabili, alla nostra salute. Non è alla verdura che ricorriamo per raggiungere la quota calorica necessaria, ma ai cereali, ai legumi, alla frutta secca e semi, all’olio.

Al contrario, un ampio (ma non irrealistico) consumo di verdura ci aiuta proprio a evitare l’eccesso di calorie, facendoci raggiungere prima il senso di sazietà, grazie all’elevato contenuto di fibra.

Un incremento del consumo di verdura è necessario in qualsiasi regime alimentare, in quanto nell’odierna dieta media questi importanti alimenti vengono contemplati in quantità esigue, incompatibili con una sana ed equilibrata alimentazione. Questo però non significa che una data quantità di un alimento molto calorico – come può essere la pancetta, o un altro insaccato, o i formaggi – vada sostituita con una quantità 28 volte maggiore di un cibo che ha 28 volte meno calorie. E’ chiaro che ragionando in questo modo si possono “dimostrare” tesi assurde, perché si assume un consumo irrealistico di verdura.

Il numero 28 non è stato citato a caso: è esattamente il rapporto fra le calorie di 100 g di pancetta rispetto alle calorie di 100 g di insalata. Un etto di pancetta contiene circa 400 calorie, un etto di insalata 14. Quindi per ottenere 400 calorie dall’insalata ne dovremmo consumare quasi 3 kg! Ma chi si sognerebbe mai di compiere un’azione del genere? Un ragionamento simile vale anche per la altre verdure, per esempio le zucchine: nessuno consumerebbe mai 4 kg di zucchine per ottenere le stesse calorie di un etto di pancetta. Sarebbe semplicemente impossibile.

Quello che va invece confrontato sono due diete giornaliere complete, una 100% vegetale e una con una grande componente di cibi animali a parità di calorie: in quel caso è palese – ed è stato dimostrato da tanti studi degli ultimi decenni e mai smentito – che l’impatto di quella a base di cibi animali è molto più alto di quella 100% vegetale, da ogni punto di vista: emissioni di gas serra, consumo di acqua, di energia, di suolo.

Nessun conflitto tra salute ed ecologia, tutt’altro

Non esiste dunque alcun conflitto tra salute umana ed ecologia, anzi, è vero il contrario, e questo è stato di recente affermato in modo esplicito dal Dietary Guidelines Advisory Committee, il Comitato del dipartimento per la salute e del dipartimento per l’agricoltura del governo degli USA, sulla base dei più quotati studi scientifici pubblicati tra il 2000 e il 2015. Il comitato afferma che:

– tutti gli studi erano concordi nel dimostrare che maggiori consumi di cibi animali sono associati a un maggior impatto sull’ambiente, mentre maggiori consumi di cibi vegetali sono associati a un minor impatto.

– Gli studi erano concordi nel sostenere che le diete che promuovono una miglior salute promuovono anche la sostenibilità.

– Gli studi hanno mostrato che diete più sane che seguono le linee guida sono più sostenibili ambientalmente rispetto a quelle tipiche consumate dalla popolazione.

(Fonte: Appendix E-2.37. Part D. Chapter 5: Food Sustainability and Safety)

La logica e la matematica lo confermano

Questa è la realtà dei fatti, ed è facilmente spiegata da un punto di vista razionale: per ottenere la carne (ma anche latticini o uova) occorre coltivare il terreno per produrre cibo per gli animali d’allevamento, nutrire gli animali e poi macellarli. In media, per ogni kg di carne ottenuta da un animale, bisogna coltivare 15 kg di vegetali (cereali e leguminose, per lo più). E’ chiaro dunque che se invece si coltivano direttamente i vegetali per il consumo umano, senza questo passo intermedio di “trasformazione” da vegetali a carne, occorre coltivare molti meno vegetali (o, con gli stessi vegetali, si nutrirebbero molte più persone) e quindi si consuma meno terreno, meno acqua, meno energia e di conseguenza si emettono meno gas serra dal processo produttivo.

Nessuna “dimostrazione” o pseudo tale può contrastare questa realtà dei fatti, molto semplice da capire per tutti. Arrivare a sostenere che una dieta basata sui vegetali consuma più risorse confrontando le calorie della pancetta con quelle dell’insalata è davvero un pessimo servizio che si fa ai cittadini, un grave insulto alla loro intelligenza.

Scegliere se introdurre o meno nella propria alimentazione prodotti animali, fa la differenza, eccome, sull’impronta ecologica del singolo, e tale scelta è l’arma più potente che il singolo cittadino ha a disposizione per abbattere il proprio impatto negativo sull’ambiente: una dieta onnivora media, a parità di calorie, impatta quasi 7 volte tanto rispetto a una dieta 100% vegetale. (Fonte: Baroni L, Cenci L, Tettamanti M, Berati M Evaluating the environmental impact of various dietary patterns combined with different food production systems, Eur J Clin Nutr. 2007 Feb;61(2):279-86. Epub 2006 Oct 11).

E’ quindi particolarmente importante non lasciarsi fuorviare da esercizi di fantasia basati su presupposti irrealistici.

Comunicato di:
NEIC – Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione
header_neic
http://www.nutritionecology.org[email protected]

Fonte:
http://www.agireora.org/ecologia/calorie-insalata-pancetta-3011.html

BioVegan Jamming Festival

12360377_911169722301716_5889061781844732441_n

Domenica 20 dicembre 2015, dalle ore 10:00 alle ore 23:59
Città della Scienza, Via Coroglio 104, Napoli

Nella Meravigliosa cornice della baia di Coroglio Napoli
dove per anni l’uomo ha solo preso, deturpato e sfruttato madre terra, manifestiamo Il nostro impegno per un concreto e reale cambiamento delle cose… siamo qui adesso riuniti spinti dalla forza più potente che esiste nell’universo, L’AMORE… creiamo connessioni, relazioni di pace e di rispetto verso la vita e la natura.

STAND
DEGUSTAZIONI
DIMOSTRAZIONI
SPETTACOLI
WORKSHOP
AREE DEDICATE
ETICA VEGAN
ECOLOGIA

“BioVegan Jamming Festival”.
#BioVeganJF #BVJF

L’era dello sfruttamento nei confronti del prossimo e del pianeta va ormai verso il tramonto. Sempre più coscienze ogni giorno, infatti, comprendono l’importanza dell’agire, del cambiare se stessi per cambiare la realtà che ci circonda, avvicinandosi alla Madre Terra ed al vero significato naturale e spirituale della vita; in quest’ottica, tutti siamo chiamati in causa. Ogni forma di vita va rispettata, curata, perché tutto ci è stato dato in prestito come aiuto alla nostra evoluzione spirituale.

Partendo da questi presupposti, l’adesione all’etica vegana è suggerita da una naturale predisposizione a sentimenti di empatia, compassione e pietà per le creature più deboli e ciò suscita spontaneamente una propensione verso la pace, la giustizia, la solidarietà, la tolleranza ed un conseguente rifiuto della guerra e dei conflitti in genere. E’ da questi concetti di base e dalla volontà di diffonderli su vasta scala che nasce l’idea del BioVegan Jamming Festival, un evento che vuole realizzare e promuovere una rete rivolta a chi nei più disparati settori lotta contro la disinformazione, contro gli interessi dei singoli, a favore di un’informazione giusta e mirata alla diffusione di idee volte a migliorare la realtà che ci circonda. La parola jamming in inglese significa inceppamento, ed è stata scelta proprio per sottolineare la volontà di creare un meccanismo di inceppamento necessario a bloccare questo sistema basato sul non rispetto. Con il BioVegan Jamming Festival, l’Associazione VDG si propone di organizzare una serie di eventi in diverse location dislocate su tutto il territorio campano. Nello specifico, si tratterà di vere e proprie fiere, occasioni di incontro volte a dar voce a tutti coloro che hanno cambiato se stessi e la loro realtà attraverso il proprio lavoro, impegnandosi duramente per diffondere un messaggio sano e trasparente.

Ognuno dei soggetti coinvolti nell’iniziativa, prenderà parte alle giornate espositive allestendo un proprio stand, al fine di promuovere i propri prodotti ed i principi del proprio lavoro, facendo conoscere la propria realtà ed entrando in contatto con le altre numerose realtà operanti, se non nello stesso settore, quantomeno secondo le proprie modalità ed i propri valori. In questo modo il Festival permetterà di ingrandire e rafforzare una rete ormai consolidata di aziende ed associazioni operanti in svariati settori: dal benessere, all’alimentazione biologica e vegana, fino alla medicina alternativa. In una realtà difficile come quella dei nostri giorni, in cui si avverte fortemente il bisogno di civiltà, è necessario che si recuperi il senso del rispetto nei confronti del mondo e di chi lo abita; in quest’ottica, il progetto mira a sensibilizzare le persone, dando loro la possibilità di avvicinarsi a tematiche importanti, anche semplicemente visitando banchetti e stand espositivi all’interno di una fiera, così da trasmettere loro in maniera semplice e diretta il valore dei principi promossi da ognuna delle realtà partecipanti, educandoli al rispetto ed alla conservazione del nostro patrimonio ambientale e di tutti gli esseri viventi che lo popolano.

TUTTI I PARTECIPANTI COMPILERANNO UN MODULO CHE NON VINCOLA AD ASSOCIARSI RESTERA VALIDO PER IL TEMPO DI PARTECIPAZIONE ALL ‘EVENTO E PUO ESSERE RICHIESTO E DISTRUTTO AL TERMINE DELLA PARTECIPAZIONE
PER MANTENERE UN IMPATTO ECOLOGICO MINIMO VENIRE MUNITI DI PERSONALE PIATTO E POSATA PER PARTECIPARE ALLE VARIE DEGUSTAZIONI
I RIFIUTI SARANNO TRATTATI SECONDO LE LEGGI COMUNALI VIGENTI

IL CONTRIBUTO ASSOCIATIVO DI INGRESSO PER I SOCI VEGANI DI GAIA È DI 2€ MENTRE PER I NUOVI PARTECIPANTI È DI 4€
per aver accesso alla riduzione gli associati devono prenotarsi
con mail a ([email protected])

SONO AMMESSI TUTTI ANCHE ANIMALI DOMESTICI

LINK WEB
http://www.veganidigaia.com/bio-vegan-jamming-festival/

PAGINA
https://www.facebook.com/BioVegan-Jamming-Festival-
613323538805946/?fref=ts

GRUPPO
https://www.facebook.com/groups/1661015060821949/?fref=ts

Evento Facebook
https://www.facebook.com/events/491837177653896/

Cucina vegan per le Feste

12274290_10153471941954272_2265852701822930061_n

Martedì 15 dicembre 2015. In orario serale, dalle 19.30 alle 23.00.
Magazzino delle scope, Via ugo foscolo 61, Jesolo

Conduce Stefano Momentè.
Un corso in prossimità delle prossime festività natalizie, per stupire senza effetti speciali!
Corso comprensivo di ricette e attestato di partecipazione. Assieme, si mangia quel che si prepara.

Per informazioni e iscrizioni:
[email protected]
http://www.cucinavegan.info/

Evento Facebook
https://www.facebook.com/events/855693851211009/

Giornata Internazionale per i Diritti Animali 2015

12227808_1018894938150219_8729935733106785289_n

Sabato 19 dicembre, dalle ore 10:00 alle ore 13:00
Piazza del Popolo, Roma

Dal 2008 Animal Equality celebra la Giornata Internazionale per i Diritti Animali con una manifestazione profondamente sentita che vuole commemorare ogni vittima animale dimenticata. Quest’anno l’evento si terrà il 12 dicembre in Piazza del Popolo a Roma dalle ore 10.00 alle ore 13.00. Diverse decine di attivisti saranno coinvolti in una coreografia statica ed insieme a loro sarà presente un’ospite d’eccezione: l’attrice Daniela Poggi, da sempre in prima linea per dare voce alle vittime dimenticate. Ricordiamo a chiunque voglia essere presente che per questo evento il semplice ‘Parteciperò’ non potrà essere considerato per poter prendere parte attiva all’azione dimostrativa in programma.
Vi invitiamo quindi a compilare il formulario presente sul sito
www.giornataperglianimali.org

Per partecipare sarà necessario ricevere conferma via email o telefono. Provvederemo noi a ricontattare tutti i partecipanti. Ricordiamo inoltre di compilare correttamente il formulario con tutti i dati richiesti. In caso di errore nell’inserimento del numero di telefono o dell’email sarà impossibile per noi ricontattarvi. L’evento che stiamo organizzando richiederà un numero preciso di persone che avranno compiti individuali e specifici. Preghiamo i partecipanti di vestirsi con un abbigliamento nero e non ingombrante. A prescindere da ciò, quest’azione dimostrativa è pubblica, quindi chiunque volesse assistere o semplicemente interagire con gli attivisti e i partecipanti dando un contributo importante con la propria presenza, può farlo, e noi ne saremo ben lieti.

Aiutaci nella diffusione di questo importante evento condividendolo ed invitando altre persone.

Per saperne di più visita
www.GiornataPerGliAnimali.org

Ulteriori informazioni:
Email[email protected]
Telefono370 71 22 316 [Lun.-Ven. dalle ore 10:00 alle 13:00]

Evento Facebook
https://www.facebook.com/events/728944223905841/