Cena Benefit per I Care Network e il Progetto rIcerCARE per una ricerca senza crudeltà

Cena vegan benefit per I - Care  03.12.2015
Italia SENZA Vivisezione Emilia Romagna di I Care Italia, il giorno Giovedì 3 Dicembre 2015, organizza una cena benefit a Sorbara provincia di Modena, presso il Ristorante Pizzeria Giovegans
per proseguire sia la sua raccolta fondi diretta al finanziamento della ricerca medico – scientifica tecnologicamente avanzata di rilevanza umana sia la sua raccolta firme diretta al Governo per chiedere di dare priorità, nei finanziamenti alla ricerca, a metodi di ricerca moderni e tecnologicamente avanzati di rilevanza umana.
Durante la serata il Dottor Massimo Tettamanti, responsabile del Progetto, terrà una conferenza.

I Care, International Center for Alternatives in Research and Education – Centro Internazionale per le Alternative nella Ricerca e nella Didattica, segue progetti a livello internazionale per promuovere metodi di ricerca scientifica tecnologicamente avanzati.

I Care, infatti, reputa inaccettabile che si continui a sprecare tempo e denaro pubblico in studi su animali: studiare una specie diversa da quella umana e in condizioni artificiali è un grossolano errore metodologico,che non conduce a nulla ostacolando il progresso scientifico.

Ogni specie animale è biologicamente, fisiologicamente, geneticamente anatomicamente molto differente dalle altre e le estrapolazioni dei dati tra una specie e l’altra sono impossibili.

E’ ormai indispensabile per tutelare la salute umana cambiare modello di riferimento per la ricerca investendo tutte le risorse su una ricerca medico – scientifica tecnologicamente avanzata di rilevanza umana.

Pertanto, ha creato una raccolta firme per richiedere al Governo di dare priorità, nei finanziamenti alla ricerca, a metodi di ricerca moderni e tecnologicamente avanzati di rilevanza umana per tutte quelle sperimentazioni non obbligatorie da normative internazionali e al Parlamento Europeo di velocizzare le procedure di sostituzione dell’uso di animali con metodi alternativi tecnologicamente avanzati di rilevanza umana per tutte le sperimentazioni obbligatorie in base a normative europee o internazionali.

Nel mese di Settembre 2014, grazie ai fondi raccolti, ha organizzato il primo corso in Italia sui metodi di ricerca tecnologicamente avanzati di rilevanza umana dal titolo “Dare un senso ai metodi alternativi alla sperimentazione animale” presso l’Università di Genova condotto dalla Dott.ssa Susanna Penco e dalla Dott.ssa Anna Maria Bassi, vincitrice del Lush Prize 2013 per il miglior progetto al mondo sulle alternative.
Inolte, è stato citato sulla rivista scientifica internazionale Atla. Il riferimento è ATLA, 42, 407-408, 2014.

La locandina del corso è visionabile al seguente link: https://unige.it/notizie/documents/locandina%20corso%20avanzato%20Dare
%20un%20senso%20ai%20metodi%20alternativi.pdf

Nel mese di Dicembre 2014 ha emanato il suo primo bando di ricerca nel campo delle scienze biomediche dal titolo “Riconversione dalla sperimentazione animale a metodologie specie-specifiche per l’essere umano” il cui bando completo è visionabile e scaricabile al seguente link: http://www.informazione.it/pruploads/7ede83b0-4fde-453c-9814-e0234540be6a/I%20CARE%20ITALIA%20-%20BANDO%20ASSEGNO%20DI%20RICERCA.pdf

Nel mese di Ottobre 2015, ha organizzato la seconda edizione in Italia del corso teorico-pratico avanzato dal titolo  “Dare un senso ai metodi alternativi alla sperimentazione animale” presso l’Università di Genova la cui locandina è visionabile al seguente link: https://unige.it/eventi/eventi.php?id=1066

La raccolta fondi prosegue per organizzare nuovi corsi atti a divulgare la ricerca human based in Italia.

Invitiamo chi desidera partecipare  a prenotare scrivendo al seguente indirizzo email: [email protected]

Cordiali Saluti,

Italia SENZA Vivisezione Emilia Romagna

Una risposta a “Cena Benefit per I Care Network e il Progetto rIcerCARE per una ricerca senza crudeltà

Rispondi