Diritto alla libertà agli orangotango

orangutan-argentina-habius-corpus.si

Un Tribunale argentino estende il “diritto umano alla libertà” agli orangotango

Con una sentenza senza precedenti il tribunale di Buenos Aires ha riconosciuto a un orangotango chiuso in uno zoo il “diritto umano alla libertà”: “L’orango è un essere senziente con comprovate capacità cognitive e solidi rapporti affettivi”.

Anche agli orango va riconosciuto il diritto alla libertà: lo stesso diritto che si applica agli esseri umani. A stabilirlo, con una sentenza che non ha precedenti, è stato un tribunale argentino che si è trovato a dibattere sulla vicenda di “Sandra” un orango di Sumatra che ha trascorso gli ultimi 20 anni chiuso in una gabbia nello zoo di Buenos Aires: secondo i giudici, che all’unanimità hanno firmato la sentenza, Sandra va liberata dalla “prigionia” e trasferita in un “santuario” naturale in Brasile. Il primate, infatti, è stata considerata – testualmente – “non-human person” e come tale gode di alcuni diritti fondamentali.

A sporgere denuncia contro lo zoo di Buenos Aires era stata, lo scorso mese di novembre, l’associazione degli avvocati per i diritti degli animali (Afada), secondo cui Sandra aveva sofferto di ingiustificato confinamento. L’orango, infatti, andrebbe considerato un animale con “comprovate capacità cognitive”. Secondo i legali, infatti, una scimmia – proprio come una persona – è perfettamente in grado di mantenere solidi legami affettivi ed ha capacità di ragionamento. Inoltre Sandra sarebbe perfettamente in grado di “prendere decisioni, ha consapevolezza di sé e percezione del tempo”. Quindi la permanenza dell’orango nello zoo costituisce una “privazione illegale” della libertà.

La sentenza del Tribunale di Buenos Aires secondo l’avvocato Afada Paul Buompadre rappresenta un precedente di portata storica e apre la strada della liberazione dagli zoo non solo delle altre scimmie, ma anche di tutti gli esseri senzienti “ingiustamente e arbitrariamente chiusi in circhi, parchi acquatici e laboratori scientifici”. L’orango Sandra è nato nel 1986 nelo zoo di Rostock e dal 1994 è chiuso nello zoo della capitale argentina. Secondo il wwf la sua specie – l’orango di Sumatra – è seriamente a rischio estinzione.

Fonte:
http://www.fanpage.it/un-tribunale-argentino-estende-il-diritto-umano-alla-liberta-agli-orangotango/

Articolo originale:
http://rt.com/news/216551-orangutan-argentina-human-right/

Rispondi