Fiaccolata per le vittime dei mattatoi

fiaccolata1

Sabato 12 ottobre 2013. Roma – Ore 19.00.
MATTATOIO DI ROMA – Viale Palmiro Togliatti

Una fiaccola per tutte le vittime del massacro che avviene quotidianamente dentro le mura dei mattatoi di tutto il mondo. Uno orrendo sterminio di miliardi di vite innocenti.

Per rendere omaggio a tutti questi individui senza nome che, a causa di un destino deciso da qualcun altro, nascono per essere uccisi senza pietà al termine di una triste e squallida esistenza, fatta di atroci patimenti e di violenze.

Ogni città ha il suo mattatoio, lugubre cattedrale di morte e violenza, ove orribili delitti vengono commessi su esseri indifesi, lontano dagli occhi e dalle coscienze, dove non c’è spazio per la pietà e la compassione. In questi luoghi si compie l’atto finale di un atroce dramma: la condanna di un intero popolo senza colpe e senza alcuna possibilità di appello. Un olocausto senza fine.

Noi vogliamo portare l’attenzione su questi luoghi che tutti sembrano fingere di non conoscere, vogliamo dare un volto ed una voce a coloro che lì dentro hanno perso la vita e donare un lume di speranza a tutti quelli che ancora devono venire. Perché un giorno tutto questo orrore abbia fine, perché ogni lager venga chiuso ed al suo posto nasca un luogo dove coltivare la vita. Per un futuro senza campi di sterminio, un mondo dove ognuno possa vivere, amare, ma soprattutto, morire secondo la propria natura e non per mano di un boia.

Una luce per illuminare le coscienze e far vedere al mondo che si tratta di vite e non di numeri. E’ giunto il momento di cambiare le regole di un sistema sbagliato.

I nostri nipoti un giorno ci chiederanno: “Dov’eri tu durante l’Olocausto degli animali? Che cosa hai fatto per fermare questi crimini orribili?” A quel punto, non potremo usare la stessa giustificazione per la seconda volta, dicendo che non lo sapevamo. – (Helmut Kaplan)

Info alla pagina Facebook:
https://www.facebook.com/events/168174030033286/

995516_544898548914396_2143921027_n

 

2 risposte a “Fiaccolata per le vittime dei mattatoi

Rispondi