nutrizione vegana

Questa pagina è dedicata a tutto ciò che comporta la nutrizione vegana.

Si possono postare commenti relativi a consigli che riguardano appunto l’alimentazione vegana: vitamina B12, omega… tutti i vari nutrimenti e tanto altro ancora

Ricordando che per domande più tecniche e approfondite, si consiglia il forum di: http://www.informazionealimentare.it/forum//index.php, dove sono disponibili esperti e medici preparati in tema di nutrizione vegana.

28 risposte a “nutrizione vegana

  1. ciao per favore mi potete aiutare?
    sono vegana da poco ma ho problemi con gas vari che turbano il mio intestino….

    che fare?

    • Ciao Juliette,
      è probabile che il tuo intestino abbia solo bisogno di abituarsi alla nuova alimentazione. In genere, i legumi danno questo problema a chi non li consuma spesso per poi scomparire appena l’organismo si abitua.
      Nel frattempo, consuma piccole quantità di legumi e prova ad aggiungere un pezzettino di alga kombu durante la cottura.

  2. Ciao Juliette, ti abbiamo risposto su informazione alimentare! :-)
    http://www.informazionealimentare.it/forum/viewtopic.php?f=1&t=962
    Intanto ne approfitto per fare i complimenti a Daria sull’apertura di questa pagina e ancora una volta, per tutto il blog in generale, sempre in continuo aggiormento ed evoluzione! Ma come fai!!!!

  3. ciao sono una raga vegan da molto tempo, però soffro di tiroide di hashimoto
    e tendo a ingrassare nonostatnte tutto giorno dopo giorno
    vorrei sapere se ci sono alimenti che fanno meno male alla tiroide e se eliminando la soia riesco a trovare un valido sostituto…

    • L’IPOTIROIDISMO NON FA INGRASSARE!!! :-) e’ vero il contrario, ovvero che i pazienti ipertiroidei perdono peso per l’aumentato metabolismo, ma se ingrassi e sei ipotiroidea non è colpa della tua tiroide :-) magari hai un’alimentazione sbagliata o fai poca attività fisica..essere vegani non significa necessariamente essere magri..se esageri con la margarina non credere che faccia meno male del burro..i grassi sono troppi lo stesso!!Hai mai letto poi le calorie dell’olio??e poi lo zucchero (quello di canna non fa ingrassare meno), troppa pasta, troppe proteine (ok nn fanno ingrassare di per sè ma è per dire che non sempre i vegani hanno un’alimentazione corretta :-) mangiare troppe proteine fa male cmq, esattamente come per gli onnivori!)
      E se poi prendi l’eutirox non sei più ipotiroidea perchè è una terapia sostitutiva. Il dosaggio và ovviamente deciso dall’endocrinologo perchè varia anche in base al peso (oltre che al dosaggio ormonale).
      Senti il tuo endocrinologo e magari cercati un nutrizionista, sul sito della società di nutrizione vegetariana ce ne sono molti..oppure cercati uno sport da praticare regolarmente..io vado in piscina tutti i giorni, sono vegana, e ti assicuro che quando non faccio sport divento una foca :-) e la mia tiroide va da dio :-)
      al posto della soia puoi mangiare gli altri legumi, la soia è la più grassa tra i legumi ad esempio..ma meno proteine mangi meglio è!davvero, senti un nutrizionista..avrà sicuramente delle valide alternative da darti e vedrai che risolverai tutto!!
      A presto :-)
      Sarah

  4. Ciao, anche io soffro di tiroidite autoimmune, il mio endocrinologo (vegano) mi fa prendere una compressa di Eutirox da 50 mcg al giorno.
    Ti consiglio di sentire un buo endocrinologo, poi magari ne parliamo..:)

    Comunque Laura, la soia la puoi sostituire o alternare con altri legumi: fagioli, piselli, lenticchie, ceci..ecc.

  5. si
    ho sentito molti medici endocrinologi,ma non mi han saputo dire been quali alimenti aiutassero la funzione tiroidea
    e mi han addirittura sconsigliata la mia scelta vegan
    sinceramente nn lo trovo giusto,e volevo appunto sapere se mangiando certi alimenti potessi agevolare il funzionamento di questa ghiandola
    ma non so appunto quali sono tu ne conosci qualcuno?
    io di mio so che la soia e il cavolo da fastidio,in molti mi dicono anche il mais

    un consiglio?

    • I medici che ti sconsigliano la scelta vegan, non sanno nulla in fatto di nutrizione, infatti quelli più informati consigliano di mangiare frutta, verdura, cereali e legumi… Il mio endocrinologo è vegano e si è raccomandato di non fare mancare nella mia alimentazione, oltre alla frutta e alla verdura, i cereali e i legumi, cosa che comunque gia facevo. Gli unici alimenti che possono agevolare il buon funzionamento della tiroide sono le alghe, in quanto ricche di iodio, però si deve prestare attenzione a consumarne pochi grammi perchè, anche un eccesso di iodio può scombussolare il funzionamento della tiroide..
      Ti consiglio di scrivere anche in questo forum: http://www.informazionealimentare.it/forum//index.php
      troverai esperti in nutrizione vegana e medici disponibili…
      ciao un abbraccio
      Daria :)

  6. a e complimenti per la vegan fest di ronchi ci sono stata e è bellissimamente fantastico averci preso parte

  7. grazie mille gentilissima

  8. ciao daria, ho letto una tua discussione su un farmaco contenente lattosio, l’eutirox…che tra l’altro contiene anche gelatina animale. forse ormai ti sei già informata, e quindi è inutile questo commento, ma esistono altri farmaci alternativi, i cosiddetti generici, che non li contengono; quelli di cui sono a conoscenza io sono il tirosint ed il tiracrin… ciao lucia

  9. Ciao Lucia, grazie di queste info davvero preziose.
    Non ne ero a conoscenza…

  10. non vorrei dire una cavolata…ma il lattosio in questi casi non è di sintesi?

  11. novità sulla gelatina animale e sul lattosio in sintesi o meno dell’eutirox??
    ciao nunzia

    • L’eutirox fornisce ormoni tiroidei ESTRATTI DALLA TIROIDE DI ANIMALI…io sono vegana e da poco la mia tiroide non funziona. COME FACCIO A CURARMI?

  12. Ciao, ho appena controllato su internet e il Tirosint (qui citato) è senza lattosio. Non ti saprei dire la provenienza degli ormoni, provo a chiedere a una mia amica endocrinologa, se vuoi scrivimi per ricordarmelo (altrimenti rischieresti di non vedere mai la risposta!). [email protected]
    Gianfranco

  13. Mi dicono che ovviamente non c’è molto da scegliere, però esiste un farmaco in gocce che si chiama Liotir, è la forma attiva dell’ormone (T3, mentre l’eutirox è T4). Dovresti provare a sentire l’endocrinologo per sapere se nel tuo caso va bene.

  14. Ciao, io ho sofferto di ipotirodismo subclinico, e sono riuscito a rientrare nei valori normali con un’ alimentazione particolare. Anzitutto ho eliminato tutte le verdure appartenenti alla famiglia del cavolo, che rallentano il metabolismo della tiroide; cosa ancora piu’ importante, ho eliminato il sale e lo zucchero che tendono ad infiammarla.

    Mentre per stimolarla mangio spesso il cocco e le banane, Per assumere lo iodio necessario rinunciando al sale ho puntato sulle alghe, Infine il preziosissimo selenio dalle noci del Brasie. E’ inutile infatti avere lo iodio se non ho il selenio. Così facendo, i miei valori sono rientrati !!!!

  15. ciao.
    Bell blog , sono più di tre ore che lo sto leggendo :)
    complimentiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    sono vegan e avevo problema d’ipotiroidismo prendevo l’eutirox 50mg per più d 10 anni. Ma qdo ho cominciato a introdurre più insalate, centrifugati, smooth verde, verdure con la minima cottura e leggendo le tesine di Valdo Vaccaro…e mi documentando tanto sull’alimentazione….sono 4 anni che NON prendo nessuna pastiglia e devo dirvi che le mie analisi del sangue sono perfette. Il nostro corpo è in grado di auto curarsi è solo dare il giusto carburante…a chi possa interessare leggere (se posso Daria)
    http://valdovaccaro.blogspot.it/2013/08/tolto-leutirox-e-tiroide-felicemente.html ( mettendo tiroide nel motore di ricerca se puo leggere tante altri…)
    grazie
    beijinhos
    Paulinha

  16. Vorrei segnalare uno studio che ho condotto sull’uso delle diete vegetariane e vegane per la prevenzione e cura delle malattie cardiovascolari e metaboliche. Si tratta di una review che prende in esame diversi esperimenti condotti nelle ultime decadi da alcuni medici, i cui risultati sono pubblicati anche sulle riviste mediche. Ci sono diversi spunti interessanti che ci permettono di capire non solo che l’alimentazione vegan ci può aiutare, bensì anche come strutturare una dieta per farla funzionare. Il testo completo si trova qui: https://lacucinadeibriganti.wordpress.com/articoli/diete-vegane-per-la-cura-delle-malattie-cardiovascolari-e-metaboliche/

    Se è un po’ indigesto ci sono diversi articoli che sintetizzano gli stessi contenuti in linguaggio accessibile: https://lacucinadeibriganti.wordpress.com/2015/06/09/una-dieta-vegana-per-controllare-il-peso/

    Un veg saluto ;)

  17. Buongiorno. Vorrei iniziare il per corso vegan. Ma nel mese scorso sono quasi giunto in anemia con emoglobina e ferro basso. A dir il vero non sapevo esattamente cosa fare?? Dove lo trovo il ferro?? In che quantità e alimenti dovrei assumerne? ? Potete indicarmi un piccolo schema da seguire?? GGrazie in anticipo

  18. Salve a tutti, sono Vegano da circa 3 anni, tutto bene…le mie analisi sono perfette, il colesterolo e’ a 170 e tutti gli altri valori sono nella media o al di sotto di essa…. devo pero’ forse, imparare a mangiare perche’ tendo ad ingrassare pur mangiando ad ogni pasto quasi sempre, solo 50 gr. di pasta con condimenti di verdure varie, e poi una bella insalata e per finire frutta di stagione….ed un poi’ di frutta secca…senza toccare mai il pane…ingrasso…potrei sapere come fare e dove sbaglio? Grazie a chi vorra’ darmi un aiuto…..

    • Ciao Giancarlo,
      hai provato ad associare attività fisica?
      Attività fisica aerobica leggera ma costante: camminata a passo veloce, bici, un po’ di corsa, nuoto..

      • Ciao, si io ho 60 anni ma da circa 10 anni faccio uscite in bici da corsa almeno tre volte la settimana di circa 40 km per volta e quando non posso, allora cammino per 5/6 km a piedi in modo abbastanza veloce, sono abbastanza in movimento sempre…tutta la settimana..ma purtroppo peso 82/83 kg per un’altezza di 170 cm. Non mangio pane ne dolci e mi concedo raramente un gelato ogni settimana….

  19. Ok, prova a togliere la frutta secca che è calorica, inoltre la frutta fresca cerca di consumarla lontano dai pasti e in piccole quantità