Sit-in contro la strage degli agnelli

12631271_10205722367480142_2066231952826323355_n

Sabato 27 febbraio, dalle ore 15:00 alle ore 17:00 – Bologna

“Gli agnellini ci ispirano tenerezza quando li vediamo, eppure a un mese di vita vengono strappati alle madri, costretti a lunghi viaggi terribili ed estenuanti su TIR strapieni, per arrivare a un lurido macello in cui gli animali terrorizzati vengono immobilizzati, storditi, appesi a un gancio per una zampa, e lasciati dissanguare.
Prima di essere appesi sentono l’odore del sangue e le urla di terrore dei loro compagni.
Tutto questo, perché? Solo perché a molti piace mangiarli! Non potrebbe esistere un motivo più futile per sottoporre questi cuccioli a tanta sofferenza, e alla morte.
Ogni anno a Pasqua vengono uccisi 900 mila tra agnelli, capre e pecore. Animali che arrivano quasi tutti dai paesi dell’est, con lunghi “viaggi della morte”, stipati in camion in condizioni insostenibili (molti arrivano al macello più morti che vivi) e mai sottoposti a controlli.”

ALLORA SCENDIAMO IN PIAZZA PER INFORMARE LE PERSONE SULLA NASCITA, LA VITA E LA MORTE DI QUESTE POVERE CREATURE E PER FARGLI CAPIRE CHE UNA ALTERNATIVA E’ POSSIBILE, PER UNA PASQUA (E PER UNA VITA INTERA) SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE

Luogo preciso ancora in via di definizione.

Investigazione sotto copertura di Animal Equality su cosa accade negli allevamenti e nei macelli italiani agli agnelli…

Info alla pagina Facebook
https://www.facebook.com/events/516876531849089/

Rispondi