Sperimentazione animale: un crimine contro la Scienza

10409083_1563078087275367_8090201198419222488_n

Modena – 18 aprile 2015, Ore 9.30
Sala Pucci, Via Canaletto 110

Il 18 aprile a Modena noti Medici in riunione presso la Sala Pucci con l’On. Vittoria M. Brambilla.
Scopo dell’iniziativa: la liberazione e la successiva riabilitazione dei macachi
Una giornata che richiede la più ampia partecipazione!

Ricordiamo di questa sciagurata vicenda, che vede segregate vite per inutili esperimenti a Modena, ma anche a Roma, la lettera inviata il 23 ottobre 2014 Via raccomandata R/R e via Fax. con allegato di 18 pagine, a
Ministero della Salute
Ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Direttore Generale Dott. Silvio Borrello
Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari
Università degli studi di Modena e Reggio Emilia
Magnifico Rettore Prof. Angelo Oreste Andrisano
Senato Accademico dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

Oggetto: Esperimenti su macachi all’Università di Modena e Reggio Emilia: Lettera di richiesta di interruzione di inutile sperimentazione da parte di 73 firmatari (scienziati, medici, medici veterinari, biologi, ricercatori, psicologi, pediatri, chimici, biochimici, farmacisti ed altri professionisti del settore medico-scientifico):
https://drive.google.com/file/d/0Bx9iq7Z4L2NoalkxVldBRjZETzA/view

(secondo invio) http://realscience.altervista.org/macachi-di-modena-73-scienziati-chiedono-la-fine-degli-esperimenti/

Nella lettera di accompagnamento a firma Dr. Candida Nastrucci, Dr. Federica Nin, Dr. Luca Taddei (Federica Nin per tutti i firmatari e delegata all’inoltro) si legge che tali sperimentazioni, prive di qualsiasi possibile effetto utile per il progresso scientifico e per l’ampliamento delle conoscenze, non sono applicabili alla salute umana. Per questa sperimentazione inoltre non è stata dimostrata, come richiesto dalle normative europee, l’insostituibilità degli esperimenti sui primati in oggetto. Non risulta sia stata effettuata una adeguata ricerca di metodi alternativi e sostitutivi (Replacement) rispetto all’uso di questi animali, che possa giustificare l’uso dei primati non umani per esperimenti giudicati “gravi” dalla Direttiva 63/2010/EU (recentemente recepita dall’Italia). Non risulta, inoltre, essere stata portata a termine una valutazione retrospettiva (Art.39 della Direttiva 63/2010/EU).

Stefano Fuccelli (presidente del Partito Animalista Europeo): “Del tutto ingiustificabile questo deplorevole silenzio da parte delle Istituzioni che dovrebbero rapportarsi con i propri cittadini, fatto ancora più grave se l’interlocutore è rappresentato non da un gruppo di animalisti infervorati solo da valori etici ma da 73 stimati membri della comunità scientifica e medica.
La questione non è discussa sotto il profilo etico ma prettamente scientifico e di metodo, visto che oltretutto non risultano essere rispettate le normative UE e nazionali neanche per quanto riguarda i protocolli metodologici sull’uso e il trattamento dei primati durante la sperimentazione e sulla soppressione e le normative nazionali che vietano l’allevamento dei primati in Italia; i rappresentanti del Ministero della Salute non possono e non devono ignorare tale legittima istanza.” http://www.quotidiano.net/animali/animali-pae-macachi-modena-1.430677

Interrogazione parlamentare di Michela Vittoria Brambilla (Fi) ai ministri della Salute e della Ricerca scientifica: “Quanti macachi sono detenuti nella struttura del CR Casaccia di S.Maria in Galeria (Roma) e a che scopo, dato che nella struttura del CNR – secondo la responsabile dello stabulario dell’ENEA, interpellata durante un servizio di “Striscia la notizia” – da tempo non si stanno portando avanti esperimenti sulle scimmie”. “La presenza degli animali, sembra contravvenire “al divieto di allevare primati destinati alla sperimentazione sancito dall’art. 10 comma 5 del D. legisl. 4 marzo 2014 n. 26”.
La medesima considerazione sarebbe valida, prosegue la deputata, per la colonia di macachi dell’Università di Modena e Reggio Emilia, peraltro “discendenti” da una coppia ceduta dall’Enea. Infine l’on. Brambilla fa riferimento ad alcune immagini trasmesse il 24 gennaio da “Striscia la notizia” e in particolare ad un video diffuso da una associazione favorevole alla sperimentazione animale, per dimostrare che le scimmie – utilizzate dall’equipe del professor Roberto Caminiti, dell’Università “La Sapienza” di Roma – sono “trattate bene” dai ricercatori. Nelle riprese, in realtà, si vedono gli addetti nutrire due macachi incatenati, con il collo e il bacino bloccati, un braccio in contenzione e impianti metallici nel cranio.
L’interrogante chiede quindi “se gli esperimenti condotti sotto la direzione del prof. Caminiti siano regolarmente autorizzati e ancora in corso, quale ne sia lo scopo, quanti animali siano stati impiegati e quanti abbiano perso la vita durante i test o siano stati soppressi al termine delle procedure”.
“Il puntuale rispetto delle leggi è indispensabile. Ma non può comunque cancellare, nella coscienza dei singoli e nella percezione della pubblica opinione, le forti preoccupazioni di ordine etico sollevate dall’impiego degli animali a scopi scientifici. Finché certe crudeli pratiche non saranno definitivamente superate, occorre la massima vigilanza da parte degli organismi preposti” http://www.quotidiano.net/animali/animali-macachi-brambilla-1.671086

Interrogazione parlamentare di Matteo Dall’osso (M5S) ed altri, rivolta al presidente del Consiglio e ai ministri della Salute, dell’Istruzione e degli Esteri.: TEST CRUENTI E UCCISIONI, ORA BASTA
Revocare “immediatamente” l’autorizzazione alla sperimentazione sui primati allo stabulario dell’Universita’ di Modena e Reggio Emilia agevolandone la dismissione totale, e la conseguente cessione a un centro di recupero “idoneo a garantire il benessere psico-fisico degli animali”.
Lo chiede il Movimento 5 Stelle con un’interrogazione presentata alla Camera e rivolta Il caso dei macachi e’ approdato di recente anche in Consiglio comunale a Modena. I deputati Matteo Dall’Osso, Paolo Bernini, Maria Lucia Lorefice, Giulia Grillo, Silvia Giordano, Michele Dell’Orco e Cristian Iannuzzi ricordano, tra l’altro, come dal 2005 Unimore porti avanti la ricerca sugli aspetti cognitivi di una parte del cervello degli animali. In particolare, viene segnalata “una colonia di 15 primati non umani (Maca Fascicularis)” allevata nello stabulario dell’Universita’, con tanto di “esperimenti estremamente invasivi e cruenti, che si concludono inevitabilmente con l’uccisione dell’animale”.
Nonostante un documento sottoscritto col Comune di Modena che impegna a non acquisire nuovi individui nell’ottica di “una progressiva riduzione del numero di primati”, per i 5 Stelle il problema rimane tutto. Cosi’, nell’interrogazione i deputati chiedono al Governo, anche nel contesto del Parlamento europeo, di esprimere un parere contrario “all’uso di tutti i primati non umani alla ricerca di base sul territorio italiano” https://www.facebook.com/VEGANOinPARLAMENTO/photo
s/a.138441949668468.1073741829.135928256586504
/338194093026585/?type=1

Macachi prigionieri a Modena: ispezione a sorpresa:
https://www.youtube.com/watch?list=UUAieRVgs7on2weGsS_iR6OQ&v=8h0Zleepho8

Gli stessi operatori: “Terminata la fase di addestramento si passa all’intervento chirurgico, creando una breccia ossea al di sopra della zona corticale su cui si vuole andare a studiare. Dopodiché incomincia la fase sperimentale vera e propria… Sono esperimenti condotti in assenza di anestesia… Chi approva al Ministero e all’ISS-Istituto Superiore di Sanità questo tipo di sperimentazione, qui come a Parma, Bologna, Ferrara, Roma, Verona, lo sa… “ eppure continuano a dire che non si fa vivisezione!
e poi la domanda:
per curare quale malattia? “Effettivamente, essendo ricerca di base, ha il solo scopo della conoscenza” è la risposta di un ricercatore colta da un video realizzato dentro lo stabulario di Modena. “La cosa veramente affascinante è che più conosci, più ti accorgi che ci sono cose da conoscere” gli fa eco una collega, la quale, ridendo, aggiunge: “Se uno si dovesse frustrare perché non ne vede la fine, allora è meglio che cambi mestiere”.

Servizio stampa http://richiamo-della-foresta.blogautore.repubblica.it/2014/06/19/macachi-prigionieri-a-modena-ispezione-a-sorpresa/

Mozione del Consiglio comunale di Modena http://www.adnkronos.com/fatti/pa-informa/economia/2014/10/18/stabulario-contenere-sperimentazioni-sui-macachi_1kgbzYBO3yvpg7VIRl8FPP.html?refresh_ce

Le trasmissioni di Striscia sui primati rinchiusi presso strutture di Modena e di Roma:
http://www.striscialanotizia.mediaset.it/puntata/2015/01/24/puntata_107.shtml

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/ricerca-mediaset/risultato.shtml?q=cnr+casaccia&scope=www.striscialanotizia.mediaset.it&
source=www.striscialanotizia.mediaset.it&sort

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/puntata/ultimapuntata.shtml?2

e l’ultima del 31 marzo 2015
http://www.video.mediaset.it/video/striscialanotizia/servizio/macachi-vittime-di-sperimentazione_526277.html

Fonte:
https://www.facebook.com/oltrelasperimentazioneanimale/photos/
a.1549751581941351.1073741829.1480948768821633/1563078087275367/?type=1&theater

Rispondi