V come Vegan (e come Vinitaly)

Vinitaly

di Andrea Dolcini

Sono oltre trenta le cantine vinicole che nell’edizione 2015 del Vinitaly a Verona, dal 22 al 25 marzo, presentano vini vegan friendly.

È il segno rivelatore che il settore vitivinicolo italiano osserva con crescente attenzione il peso commerciale di almeno quattro milioni di consumatori vegetariani e vegani. In Italia gli enti che certificano l’assenza di prodotti di origine animale nel processo produttivo del vino si differenziano sia per i disciplinari sia per le attività che esercitano per la verifica delle aziende che ne chiedono il marchio. Le cantine vinicole possono anche ricorrere alla autocertificazione su base volontaria, prevista dal Regolamento Europeo 1169 del 2011. Da tutte queste premesse si evidenzia che l’interesse verso un mercato di vini vegan non è più un fenomeno effimero o di nicchia.

Le certificazioni I.C.E.A., per esempio, sono rilasciate già dal 2009. Quello che sembrava un assillo (cosa contiene questo vino? gelatine animali, albumina, colla di pesce, caseina?) difficile da risolvere oggi è un argomento che viene discusso con chiarezza e regole certe.
Per i visitatori del Vinitaly in cerca di cantine che offrono vini vegan (certificati, autocertificati o anche solo dichiarati tramite il sito barnivore.com) è disponibile questo elenco non ufficiale e probabilmente non esaustivo ma utile per trovare vini vegan friendly. Nel sito vinitaly.com con l’opzione “catalogo espositori” è consultabile la mappa del Vinitaly 2015 con la singola cantina e il relativo sito internet. Non sempre tutti i vini delle cantine segnalate sono vegan: prima di provare, chiedere. Mi scuso in anticipo verso gli espositori dotati di certificazione dei quali non sia presente il nominativo nell’elenco: è un motivo in più perché per il Vinitaly 2016 sia loro richiesto preventivamente di segnalare la certificazione (o autocertificazione) vegan.

Elenco espositori presenti al Vinitaly 2015 con proposte di vini vegan

Le Carline
Vigne del Malina
Cantina Aldeno
Perlage
Tenute Cerfeda dell’Elba
Nicosia
Giol
Agriverde
Casal Bordino
Cerfeda Dell’Elba
Podere Volpaio
Pizzolato
(N.B. questo primo gruppo di espositori dispone di certificazione accertata)

Querciabella
Ca’ de Medici
Canalicchio di Sopra
Canti
Cantine Bortolotti Umberto
Cantine Francesco Montagna
Lenotti
Domini Castellare di Castellina
Castello d’Albola
Castelvecchio
Castronovo
Ciro Picariello
Mezzacorona
Colle Bereto
Cantine Volpi
Fattoria Poggerino
Abbazia di San Gaudenzio
Agricola Punica
Araldica
Az. Agr. Cos
Botter
Braida
Arcania
Bottega (distilleria)
——
Andrea Dolcini

Rispondi